Lifestyle

7 gesti per sentirsi meglio ai tempi del coronavirus: le mie tips

7 Novembre 2020

Ormai da quando siamo in piena pandemia, la casa è diventata la nostra bolla, quel luogo sicuro dove ci sentiamo protetti dal nemico invisibile ma, al contempo, vista da un’altra prospettiva, è anche la nostra “prigione” dalla quale difficilmente possiamo uscire. Tutte le attività si sono concentrate in pochi metri quadrati e l’isolamento insieme a situazioni di fragilità rendono tutto più complicato. L’umore inizia così ad essere altalenante, il circolo vizioso di pensieri negativi prende il sopravvento e sembra quasi che non ci sia una via di uscita.

Insomma, da febbraio 2020 la nostra vita è stata completamente stravolta. Le nostre certezze, le nostre abitudini, il nostro lavoro. Niente sembra essere più come prima. Vivevamo già in una società piena di incertezze e precariato, ansie e stress ma da quando è arrivato il Covid-19 tutto si è amplificato a dismisura.

Non esiste di certo una bacchetta magica per risolvere i nostri problemi quotidiani ma possiamo provare ad adottare dei piccoli gesti che possono aiutarci a sentirci meglio. In questo articolo voglio quindi condividere con te le mie 7 azioni quotidiane che mi stanno aiutando ad alleggerire le giornate ai tempi del coronavirus.

Prima di iniziare, voglio dirti che il più grande ed importante gesto che possiamo fare in questo momento è rispettare le regole che ci vengono raccomandate! Sapere di star facendo la cosa giusta ci farà stare meglio nonostante le limitazioni e i sacrifici che dobbiamo fare.

Prendersi cura di sé durante la pandemia: non dimenticare di fare queste cose

Accogli e accetta la tua vulnerabilità

Seppur io sia una persona solare e positiva, capita anche a me di avere l’umore a terra. Provare rabbia, tristezza, smarrimento è normale, lo è ancora di più in questo periodo di pandemia. Tra le tante patologie di natura psicologica, i disturbi del tono dell’umore sono estremamente diffusi. Non è di certo mia competenza addentrarmi nello specifico al riguardo né tanto meno parlare ad esempio del disturbo depressivo ai tempi del Covid-19, ma, escludendo questi casi specifici, nella vita di tutti i giorni capita a tutti di avere a volte l’umore ballerino.

Se questo succede, non sentirti sbagliato o debole; sappi che è assolutamente normale sentirsi qualche volta così! Soffocare questi sentimenti è inutile, se non deleterio, poiché prima o poi imploderanno dentro te.

Quello che cerco di fare, quando capitano questi momenti, è di accettare e accogliere il sentimento che sto provando, senza troppi sensi di colpa. Lo faccio vivere dentro di me. Mi chiudo in un stanza, ascolto canzoni tristi, piango e lascio che le sensazioni facciano il loro corso. La nostra società ci ha spinti a credere che dobbiamo essere sempre performanti, sempre pronti ad ogni evenienza quasi come se sia una “perdita di tempo” o qualcosa di superfluo ascoltarsi e stare con se stessi. Non è così! Trova dunque una tua dimensione per affrontare questi intimi momenti che sia da solo o con chi ami ma, vivili senza vergogna. Se lo ritieni opportuno, non esitare a chiedere aiuto ad un professionista!

Può tornarti utile leggere come eliminare i pensieri negativi che tormentano: 10 consigli utili per la vita di tutti i giorni.

Ricorda di essere gentile: anche un semplice “come stai?” può fare la differenza

Proprio per il motivo accennato sopra, sii gentile con te stesso e con gli altri. I momenti di fragilità capitano a te come agli altri.

Avere una parola gentile, di conforto o anche un semplice sorriso può essere d’aiuto più di quanto non immagini. Si dovrebbe essere sempre empatici, o almeno provare ad esserlo, ma, in questo periodo di pandemia ancora di più. Parlare, ascoltare, chiedere “come stai?”, sono attenzioni importanti e spesso sottovalutate. Ricorda, non siamo soli e non siamo nemmeno gli unici a soffrire!
Dedicare del tempo agli altri mi fa sentire parte di qualcosa di più grande e mi aiuta a stare bene.

La vita in casa ai tempi del Covid-19: come vivere meglio

Concediti una coccola

Partiamo da un un presupposto: è importante nonché fondamentale mangiar sano ed in modo equilibrato tutti i giorni! Mangiare del buon cibo, preparato con amore e pazienza a me fa stare bene e in pace con il mondo. In questo ultimo periodo, però, mi sto accorgendo che in giornate particolari, di forte ansia, stress o tristezza non manca mai un pezzo di cioccolato a farmi compagnia, una buona cioccolata calda, un pezzo di torta fatta in casa o perché no, anche una gustosa pizza! D’altronde si sa, che cibi come il cioccolato stimolano la serotonina, il cosiddetto ormone del buonumore.

Concedersi una coccola, non significa riversare frustrazioni, ansie e preoccupazioni su qualcosa come ad esempio il cibo ma significa concedersi una carezza in più, in maniera metaforica o reale.

Dai un’occhiata alla ricetta della mia torta al cioccolato senza uova e senza burro.

Concedersi una coccola può dunque voler dire levarsi una sfizio mangereccio, ma può anche significare concedersi del tempo solo per se stessi.
Stare a casa quando si è in tanti non è affatto semplice. Ci sono voci, rumori, ognuno ha i suoi ritmi, i suoi spazi. Prova a ritagliarti dei momenti solo per te, magari la mattina presto quando la casa è silenziosa oppure la sera quando tutti già dormono. Fai un bel bagno caldo, leggi una pagina in più di un buon libro, fai la tua beauty routine con più calma, insomma, concediti qualche minuto solo per te e vedrai che anche il tuo umore ne gioverà!

Non bombardare la testa con notizie e informazioni negative

Siamo costantemente sottoposti a continue notizie negative. Basta accendere la tv per accorgertene. Limitare il più possibile questi influssi negativi è fondamentale per non alimentare la tua ansia, il tuo senso di impotenza, la tua paura. Specialmente adesso che si parla sempre e solo del Covid-19 è facile cadere vittima di questi circoli viziosi. Si guardano le prime notizie appena svegli, il tg a pranzo, un approfondimento nel pomeriggio, per concludere la giornata dando un’occhiata all’ultimo aggiornamento prima di andare a letto. Senza accorgertene hai trascorso tutta la giornata bombardato di notizie ed informazioni per lo più negative.

L’ho sperimentato anch’io fino a quando non ho capito che il tempo è prezioso e che avrei dovuto scegliere io come impiegarlo nel miglior modo possibile. Ascolto un solo telegiornale al giorno, il minimo indispensabile per rimanere aggiornata, il resto del tempo, lo impiego per fare qualcosa di più costruttivo e che mi arricchisce.

Se non sai cosa fare a casa e sei annoiato leggi cose originali da fare a casa: 11 idee a cui non avevi mai pensato

Imponiti delle regole sul tempo di utilizzo dello smartphone

Ormai si sa, il cellulare è diventato il prolungamento di noi stessi. Dovunque andiamo lui è costantemente con noi. Suoni, notifiche, badge, immagini, video, ci riempiono di stimoli influenzando il nostro umore. Onde evitare tutto ciò, io sto cercando di impormi delle regole come ad esempio cercare di non utilizzare il cellulare la mattina appena sveglia e dopo cena.

Lo ammetto, non è facile! Si ha sempre la tentazione di voler scrollare la bacheca di un social o vedere l’ultima notizia ma con un po’ di disciplina si può ottenere un buon autocontrollo. Non dimenticare di silenziare le notifiche!
Se siete in famiglia, stabilite con i vostri figli un tot di ore di utilizzo dello smartphone, il resto del tempo occupatelo per fare altro tutti insieme!

Crea un’atmosfera accogliente in casa

Dobbiamo stare a casa, allora perché non farlo per bene? Accendi candele, lampade di sale, adorna con piante, cambia la disposizione degli arredi, insomma, rendi la tua casa accogliente, un luogo dove ti piace stare. Un luogo che ti trasmette serenità e positività.

Avere una casa accogliente ti permetterà di stare a casa più volentieri. Segui i tuoi bisogni, ad esempio, io in questo periodo sono in mood riordino-decluttering. Amo la sensazione di benessere che provo una volta che la casa è pulita, profumata e perfettamente in ordine e tu?

Leggi affermazioni positive

Mi sono approcciata da poco a questo processo, lo sto conoscendo e interiorizzando ma sento che se fatto con costanza può essere qualcosa di potente. Le affermazioni positive infatti sono delle frasi che se ripetute quotidianamente hanno il potere di incidere sulla nostra mente modificando i nostri comportamenti a seconda di cosa vogliamo ottenere. È come se ci “riprogrammassimo”.

Quante volte ti capita di pensare “non sono in grado”, non ce la faccio”, “non avrò mai”, e, se tutti questi “non” diventassero affermazioni positive, realistiche e presenti? “Io sono”, “io ho”, ” io posso”? Avevi mai riflettuto quanto le parole e i nostri pensieri possano influire su di noi e sulla nostra vita?

Come vivere bene ai tempi del coronavirus: i miei 7 consigli pratici da applicare nella vita di tutti i giorni

Ci sentiamo costretti a dover essere sempre al 100% in tutte le circostanze. È stato anche così durante il primo lockdown nonostante stessimo vivendo qualcosa di assolutamente nuovo e destabilizzante. Non a caso, in quel periodo avevo scritto: sai che nessuno ti obbliga ad essere super produttivo durante questa quarantena?

Non sono un’esperta ma una persona comune che ha deciso di condividere con te qualche consiglio pratico per superare questo particolare periodo che dobbiamo affrontare tutti insieme pieno di sacrifici e cambiamenti.

Mi auguro che questi miei 7 consigli pratici da applicare nella vita di tutti i giorni ai tempi del Coronavirus e non solo ti possano essere in qualche modo d’aiuto. Se hai altri consigli o “trucchetti” che stai adoperando, scrivimi su Instagram e se ti va condividi questo articolo affinché possa essere di supporto a chi lo leggerà.

You Might Also Like