Viaggi

Quattro giorni on the road in Sicilia: il nostro itinerario di viaggio

31 Ottobre 2019

Prendere la macchina e partire per fare un on the road nella Sicilia più selvaggia quanto romantica è stata la scelta che abbiamo fatto per queste vacanze estive. 

Il mare, le montagne, il vento tra i capelli, il braccio fuori dal finestrino, la strada. Chilometri macinati circondati da paesaggi e colori sempre diversi che ci hanno fatto sentire protagonisti e spettatori di un quadro che ad ogni curva e ad ogni rettilineo stravolge e stupisce.
Il cielo e quei tramonti rosa che si mescolano al senso di libertà selvaggia e primordiale, il profumo di salsedine e di terra sterrata, il non aver nessun orario, nessuna scadenza o impegno ma solo tanta fame di scorci nascosti da scoprire come un’infinita caccia al tesoro, è stato quello che più abbiamo amato del nostro on the road che ci ha permesso di vivere e scoprire un pezzetto di Sicilia e della sua essenza.
Perché, per quanto tu possa programmare un on the road, non sai mai quando e dove fermerai la macchina.

Partenza

Il nostro on the road alla scoperta della Sicilia occidentale inizia la mattina presto, poco dopo il sorgere del sole da Palermo. Ben Harper e company ci hanno tenuto compagnia per tutto il tragitto mentre noi guardavamo la strada entusiasti per l’avventura appena iniziata.
 

Il nostro itinerario di viaggio: Sicilia on the road

Erice

La nostra prima tappa di questo on the road è stata Erice, un caratteristico paesino arroccato a 751 m di altezza sul monte che porta lo stesso nome caratteristico per le sue viuzze e un panorama mozzafiato (Erice, cosa vedere in un giorno)

Saline di Tapani

Sul tardo pomeriggio, abbiamo deciso di dirigerci verso le saline di Trapani per poter godere di uno scenario suggestivo al calar del sole.

Lì vicino, tra vasche piene d’acqua salata e un cielo rosato svettava un meraviglioso mulino con pale grandi e un tetto dai mattoni rossi, così bello da esser quasi impossibile smettere di fissarlo.

Riserva Naturale dello Zingaro

Il nostro secondo giorno di viaggio inizia alla Riserva Naturale dello Zingaro, un’area naturale protetta italiana che si estende nel tratto di costa che va da San Vito Lo Capo a Castellammare del Golfo.

Qui abbiamo visto:

  • Museo delle Attività Marinare
  • Cala Tonnarella dell’Uzzo
  • Museo dell’arte Contadina
  • Grotta dell’Uzzo
  • Cala dell’Uzzo

Leggi la nostra esperienza alla Riserva dello Zingaro, un’oasi della Sicilia, tra San Vito lo Capo e Scopello

Favignana

Il terzo giorno inizia presto perché c’era un traghetto pronto ad aspettarci al porto di Trapani per portarci dritti dritti a Favignana, la principale isola dell’arcipelago delle Egadi.

Non basta di certo un giorno per scoprire questa isola così selvaggia e dagli scorci mozzafiato ma qui trovi tutto ciò che c’è da sapere per visitare Favignana in un solo giorno.

San Vito lo Capo

L’ultimo giorno ci siamo diretti verso San Vito lo Capo.
Abbiamo trascorso la mattina a girovagare per il centro, ammirando la Cattedrale del paese e perdendoci tra stradine con case dalle porte blu e fiori sui davanzali, abbiamo mangiato il cous cous per poi rilassarci in spiaggia tipica per la sua sabbia bianchissima e l’acqua cristallina.

Sicilia, San Vito lo Capo: tra spiaggia e mare

Dove dormire vicino Trapani

Valderice si trova in una posizione davvero strategica per esplorare la Sicilia occidentale. In poco tempo si possono raggiungere diverse località e non solo, lo stesso paese ha una spiaggia molto bella. Noi abbiamo alloggiato per tutti i quattro giorni di viaggio al B&B Verdeblu prenotato su Airbnb che ci ha regalando risvegli con vista mare e colazioni su un terrazzo immerso nel silenzio più totale.

Se alloggiate al B&B Verdeblu, la signora Giusy e suo marito vi indicheranno tantissimi posti da esplorare. Credetemi, i giorni di permanenza vi sembreranno sempre troppo pochi per le numerose meraviglie presenti nei dintorni.

Conclusioni

Questi quattro giorni di on the road in Sicilia ci hanno permesso di perderci tra centri urbani dal sapore antico e dal fascino autenticamente mediterraneo, tra tramonti e mulini a vento, saline e una natura incontaminata, apprezzando appieno lo scenario mozzafiato dagli incredibili toni azzurri e verdi delle acque limpide e cristalline.

You Might Also Like

  • Cosa vedere in un giorno a Favignana: la principale isola dell’arcipelago delle Egadi – Sissiland 6 Novembre 2019 at 18:22

    […] non ho mai esplorato le isole circostanti così, quest’estate, approfittando dei nostri quattro giorni on the road per la Sicilia, ho deciso di dedicare un’intera giornata alla scoperta di […]

  • Sicilia, San Vito lo Capo: tra spiaggia e mare – Sissiland 6 Novembre 2019 at 18:23

    […] giorno del nostro on the road in Sicilia ci siamo diretti verso San Vito lo Capo per fare il pieno di sole e mare in totale relax. È stata […]

  • Cosa vedere in un giorno ad Erice, il paese medievale della Sicilia il cui tempo sembra essersi fermato – Sissiland 6 Novembre 2019 at 18:23

    […] in macchina che abbiamo fatto insieme. Ritornarci a distanza di così tanti anni durante il nostro on the road in Sicilia è stato davvero […]

  • Riccione d’inverno: due giorni tra spa, spiaggia e centro storico – Sissiland 11 Gennaio 2020 at 15:26

    […] Sulle note di “Riccione” dei Thegiornalisti siamo partiti alla volta di Riccione approfittando del cofanetto Emozione 3 che mi ha regalato Benny per l’anniversario.Nonostante fosse pieno inverno, Riccione, cuore della a riviera romagnola, ci accoglie con un timido sole e la classica atmosfera invernale della città di mare.L’odore di salsedine, il mare, le cabine blu sulla spiaggia mi hanno fatto subito sentire a casa ricordandomi la mia terra, la mia Sicilia. […]